22/12/09 Il Riciclatore

IL Riciclatore
Poche persone al mondo riescono a riciclare oggetti come i giocatori di ruolo dal vivo.
Scena classica: la mamma, la moglie e tutta la famiglia buttano roba nell'immondizia, il giocatore di ruolo viene incaricato di portarla nei cassonetti.
Prima fase: "sbirciata veloce ai sacchetti"
…ma.. ma questa scatolina che sporge starebbe bene in corporazione…
…questa vecchia tenda, sotto la scatola fa la sua sporca figura, devo solo ritagliare quel pezzettino che stona…
ecc.. ecc…
Durante la prima fase, dopo avere estratto la scatolina e le tenda, il giocatore di ruolo acquista la consapevolezza che in mano NON ha un sacchetto dell'immondizia ma bensì un probabile tesoretto per cui passa inevitabilmente alla seconda fase.
Seconda fase: "rovistare"
Appena voltato l'angolo il giocatore appoggia i sacchetti e controlla.
Del resto, dato che è stata trovato il primo oggetto riutilizzabile ce ne potrebbero essere altri, no?
Il tutto, ovviamente, si complica se la persona in oggetto si diletta a costruire armi, costumi e oggettistica varia, perché lì si scatena il dramma.
Una vecchia giacca di similpelle o pelle vera viene conservata per le impugnature dei pugnali, per rivestire un quaderno.
Qualcuno avrà anche buttato un vecchio quaderno, con i fogli ingialliti che il giocatore guarda avidamente elevandolo a carta pergamena.
Il giocatore sistema la giacca e il quaderno vicini in un angolo e continua, una vecchia cintura di pelle… sai mai che si possa riutilizzare per qualche pezzo di armatura…
Immancabilmente però, in mezzo alla spazzatura trovi uno degli oggetti che avevi riciclato la volta precedente e da lì capisci che hai bisogno di un nascondiglio migliore per quello che ricicli.
Terza fase: "la conservazione"
Hai sempre un dubbio di non aver guardato tutto ma alla fine cedi, svuoti gli scarti (pochi) nei cassonetti e riporti in casa il sacchettino del riciclabile, vai verso la scatola di plastica trasparente presa ad un qualche supermercato, la apri e ti accorgi che è piena. zeppa…
Ti guardi attorno e il tuo cervello, che in questo momento assegna a brandelli di vestiti e quaderni ingialliti la massima priorità, scandaglia ansiosamente la cantina per cercare qualcosa da buttare per fare spazio.
Nella cantina di un giocatore serio non c'è niente da buttare.
Appoggi il sacchetto di fianco alla scatola e ti fai il promemoria di acquistarne un'altra.

Epilogo:
Ritorni ai tuoi pensieri quando una voce ti interrompe: "C'è da vuotare la spazzatura!!"
Sorridi…

Buon Gioco a tutti, La Portinaia Dyarda.