26° giorno, 1° mese, 2010 Dopo la Caduta

"Sento più freddo o sbaglio? Qui sono certo non ci fosse tutta questa neve"
"E' il gelo. Avanza. Lentamente ma avanza. Sette mesi fa, qui, arrivavano gli effetti del pilastro, seppur marginalmente. Guarda quella pianta congelata. E' stata colta dal freddo che aveva ancora le gemme. Ora è soltanto uno scheletro… un'immagine impressa per sempre nel ghiaccio"
"Davvero triste. Dobbiamo muoverci a sconfiggere il gelo. Ho quattro strati di pellicia addosso e mi si stanno congelando le mani. Non oso pensare alle temperature dove il gelo è il padrone assoluto"
"Lo vedrai se gli accordi con i Tuiadri andranno a buon fine. Dovremo attraversare il gelo con donne, bambini, vecchi, malati……"
"Abbiamo altre soluzioni?"
"Forse si. Forse no. Io opto per la seconda ipotesi. L'accampamento si deve spostare, secondo me… ma decideranno i nobili. L'incontro coi Tuiadri forse ci darà risposte più precise."
"Tutto dipende da noi quindi? Chissà a casa cosa stanno facendo. Se c'è ancora una casa"
"Non lo so Dante.. non lo so. Ora camminiamo e risparmiamo le forze. Quei cacciatori non conoscono la fatica"

Avanguardia di scorta. Verso la Villa Aoita. Margini estremi di Nerfin.