SF Educational 1a puntata

I GIOCATORI DI RUOLO

Definiamo innanzitutto il giocatore di ruolo dal vivo come ENDEMICO:
questo termine identifica qualcosa di diffuso, persistente, radicato, e solitamente si usa per indicare le malattie legate ad un dato territorio, ambiente, settore. Un virus radicato in una determinata zona geografica può essere definito un virus endemico di quella zona precisa, una forma virale particolarmente forte e radicata.
Tale è la passione per il gioco di ruolo dal vivo negli individui che lo praticano, tanto da essersi, perlappunto, auto-definiti endemici.

L'endemico è, innanzitutto un animale sociale:
per sventolare al mondo i suoi immensi poteri di chierico-guerriero-mago necessita di un pubblico, ma non un pubblico qualsiasi, bensì un pubblico che può capire la sua grandezza e che, ovviamente, ha i mezzi per sfidarlo a chi ce l'ha più grossa (la spada) !
Tuttavia può tendere facilmente al viaggio mentale "in solitaria", specialmente quando non è nel contesto del gioco, che lo porta a creare mondi fantastici praticamente ogni due minuti (mondi in cui ovviamente egli è sovrano-padrone, pieno di donne e/o uomini, avvolto da fette di porchetta arrosto e circondato da botti di birra e teste di nemici, tronfio su di un trono di finta-pelle a dare ordini alle sue armate ecc).
Egli immagina e fantastica mentre è sull'autobus, al supermercato, in coda alla posta ecc. assumendo spesso espressioni idiote.
E già, perchè mentre lui pensa a come impalare un orchetto, l'operatore postale al di là del vetro intravede una smorfia tra il bavoso e l'assente e pensa "mo' mama questo quà, veh che lavor …chissà i suoi genitori poverini.." immaginando ovviamente un caso sociale.

L'endemico, vive quindi tendenzialmente in branco.
Maschio o femmina che sia, egli è tenutario di una quantità di roba imbarazzante, dislocata il più delle volte tra cantine, garage, stanze varie, o a casa di amici (solitamente endemici) e/o genitori (ormai rassegnati), se il/la partner è anch'esso un endemico la casa intera sembra il mix tra una tenda di berberi, un pertugio di monaci cistercensi e disneyland.
Tra armi, costumi, armature, soprammobili inquietanti, cartellini, sacchiapelo, coperte, biancheria, cibo, birra e tende, il branco di endemici si muove esattamente come si muoveva Gengis Khan con le sue orde:
Ovvero rumorosamente e tendenzialmente imprecando.
Perchè, come al solito, l'endemico porta con se, alle sessioni di gioco, troppa roba !
La frase "io lo porto, poi male che vada se non serve lo lascio in auto" regna sovrana, le statistiche dimostrano che il 68% delle roba rimane in auto inutilizzata.
Anche perchè, quando dev'essere trasportata (a piedi) dal parcheggio alla postazione di gioco l aroba diventa stranamente pesantissima. Solitamente il luogo di gioco è un bel po' di accidenti più distante del parcheggio, è inevitabile che ciò che alla partenza era ESSENZIALE per giocare, nel momento del trasporto e dopo aver gia fatto almeno 2 giri diventa INUTILE.

Il mezzo di trasporto dell'Endemico è un auto capiente, solitamente già incasinata, per i raduni diventa stipata all'inverosimile con il materiale di gioco e comunque, normalmente è già piena di inutili gingilli di cui però non si può fare a meno !! teschietti e bestiolini vari penzolanti dallo specchietto retrovisore, cartaccia, maiali di gomma, tette antistress, un cuscino, lattine varie, pacchetti di sigarette semivuoti, accendini andati a male, cicche disperse, monetine, cumuletti di pelo dalla provenienza inquietante, ragni di gomma finti (anche veri, tendenzialmente morti o che si trovano a loro agio nel casino), scarpe, calzini usati, miniature di astronavi…il tutto condito con una buona dose di polvere e terriccio, fili d'erba e foglie secche, commovente ricordo del luogo in cui si è giocato l'ultima volta.
E' opinione generale che i fazzoletti da naso contino MOLTO MENO della birra, quindi se l'auto è ormai piena, è più probabile che venga abbandonato un utile pacchetto dei suddetti che non una lattina.

Sia ben chiaro, l'endemico, in cattività (cioè nella vita quotidiana) è un animale PULITO, semplicemente durante i raduni INFELTRISCE.
L'umidità notturna, la sbronza preventiva e postuma, (ovviamente per curare le tracce di quella precedente) l'indossare 4 giorni gli stessi abiti, il dormire nel bosco, pisciare "nature", sudare a caso anche quando no sta facendo nulla, tramutarsi in uomo bicentenario perche la cotta di alluminio perde e ti dona quel bel color grigio metallico, sono tutte cose che fanno parte del processo di gioco detto "di immedesimazione".
Il quale può avere vari livelli di applicazione:
dal "full role" al "middle role", mentre il primo è vita di gioco vissuta al 100% quindi "non mi lavo per 4 giorni perchè l'ascella muschiata fa molto medioevo" il secondo (middle role) se ne va in albergo a farsi una doccia e dormire in un letto moderno, prevedendo quindi ogni tanto un balzo nella civiltà a beneficio dell'ascella, della cervicale e tutto sommato, puzzando meno, anche a beneficio della collettività.
Al 2° giorno di raduno avere un aria vagamente "acida" viene sfoggiato come un vanto !
Al 3° giorno di raduno dimostrare che la propria tenda ha raggiunto una certa "croccantezza" è motivo di discussione seria e partecipe della comunità.
L'ultimo giorno di raduno il trovare insetti morte tra i propri abiti fa si che, una volta a casa, il numero di nemici annientati sia di una certa consistenza (il come sia morta e fatto che le creatura sia morta sul serio e non fosse un mostro di gioco è solo un dettaglio, trascurabile).

Nonostante ciò, l'endemico gioisce nel raccontare, una volta rientrato nella normalità del quotidiano extra-raduno, gli aneddoti legati all'igiene, alle sbronze in compagnia, alle cadute di stile in quanto ben conscio che, chi non fa parte di questo mondo fa un po fatica a capire le dinamiche di gioco se non prova, ma comprende benissimo il "senso sociale" del gioco di ruolo dal vivo, parliamoci chiaro: provate a parlare di regolamento, scattano gli sbadigli, dite che ci sono le gare di rutti attorno al fuoco la sera e che un amico è morto mentre si stava semplicemente recando alle latrine disarmato e avrete per le mani nuovi, potenziali adepti dando il via alla "Riproduzione per spore" del giocatore di ruolo dal vivo, che vi illustreremo nella prossima puntata.

La prossima puntata avrà come tema:
L'endemico: accoppiamento e riproduzione.

La Portinaia