SF Educational 2a puntata

L'endemico: accoppiamento e riproduzione.


Come approccia l'endemico in fase di accopiamento e riproduzione ?
Dobbiamo, ai fini di una chiarezza di base, separare alcuni concetti ed un Iter che, tendenzialmente l'endemico segue.

RIPRODUZIONE per ripopolamento:
L'endemico si riproduce quasi esclusivamente al fine di creare altri endemici con cui popolare il territorio, lo fa quindi in diversi modi:
tra questi vi è la riproduzione detta "per spore" cioè egli/ella parla di aneddoti di gioco ad amici completamente all'oscuro del gioco di ruolo dal vivo infarcendo il racconto di ogni splendore e comicità, cioè gettando all'aria "spore di informazioni" e lo fa descrivendo con divertimento e bellezza, a caso, buttando qua e là piccole e talvolta incomprensibili gag dall'esito meraviglioso e accattivante, senza appesantire il discorso, facendo si che la gente incuriosisca al fine di attecchire il virus del gioco di ruolo dal vivo nelle loro menti ed invogliarli a seguirlo.
Un altro sistema è la riproduzione "professionale" cioè quella inoculata da coloro che in qualche modo sentono "dentro di se" la missione, il dovere cosmico, quasi religioso, di spargere il verbo ! 
Com'è come non è, dispongono di materiale informativo sempre a portata di mano, volantini, depliant, l'indirizzo del sito internet associativo, mazzette di cartellini personaggio da mostrare e con i quali intortarti a dovere.
Infine c'è il sistema a "piattola (o zecca)" vale a dire che di qualsiasi cosa stiano parlando/facendo un gruppo di persone, anche estranei, il nostro endemico ci si attacca come una piattola trovando un qualsiasi appiglio per arrivare a parlare di gioco di ruolo, per esempio due vecchiette parlano del caldo alla fermata del bus, è inevitabile per l'endemico dire "lei non sa cosa è il caldo, tze..provi a stare vicino a un un golem di lava.." i nuovi giocatori vengono quindi presi per sfinimento, siano essi vecchiette o meno ovviamente.

L'accoppiamento invece avviene perchè, a prescindere dall'aspetto talvolta inquietante, l'endemico è pur sempre umano e necessita di espletare le proprie funzioni amorose, fisiche e psicologiche, con uno (o più) partner.
L'iter avviene in diverse fasi, noi ne mettiamo di seguito uno di base, non ci è stato effettivamente possibile catalogare tutti gli atteggiamenti in quanto ne esistono una varietà quasi infinita, come di infinite varietà sono del resto gli endemici.

AVVISTAMENTO della preda:
L'endemico (sia esso uomo o donna) vede, come propria preda potenziale, preferenze non tanto estetiche (i gusti variano) ma di tipo tematico.
Il giocatore di ruolo tende ad essere attirato da individui "strani", tutto lì.
Ora, strani in base a cosa?
non si sa bene, ma di fatto, possono essere persone originali nel modo di porsi, parlare, abbigliarsi, muoversi, argomentare … parliamoci chiaro, l'endemico preferirebbe accoppiarsi con creature della propria specie, che tendenzialmente proprio perchè endemiche, non sono propriamente persone "normali" nel senso piu comune del termine (come definireste voi qualcuno che rientra nella categoria espressa durante la prima puntata?).
Se però, il micromondo di cui fa parte è piccolo e quelle che ha a disposizione le ha ormai conosciute tutte (non è detto in senso biblico, ma diciamo in maniera amicale sufficiente) se non ha trovato il partner di suo gusto quì..l'endemico lo va a cercare altrove, anche "accontentandosi" a volte con buon successo, di un partner non-endemico.


L'APPROCCIO alla preda:
L'argomento è delicato, e l'endemico approccia al potenziale partner in maniera altrettanto delicata :
"io 3 o 4 volte all'anno vado a giocare..ti va bene? no perchè se non ti va bene, esci PURE con qualcun'altro, te lo dico gia da subito che facciamo prima e non ci rompiamo le balle a vicenda".
Questa di prassi sarebbe la cosa più onesta che possa dire un giocatore di ruolo dal vivo appena approccia la sua preda, tuttavia egli non si palesa subito, non scopre le sue carte…sottile gioco di seduzione? no, si dimentica di dirlo perchè deve aver notato un particolare fisico che in quel momento diventa "ragione di vita" (leggi: tette).
Se la preda è in ambiente endemico, tutti i santi aiutano, argomenti in comune ce ne sono a volontà.
Se la preda è al di fuori si sfodera questo proprio interessa (il gdr appunto) come variante fascinosa della collezione di farfalle, oppure, nel caso ad esempio delle signore, si è saputo che l'orecchia elfica, o la coda pelosa, hanno quel valore aggiunto che all'uomo non-endemico solletica la fantasia.

L'ACCOPPIAMENTO – casistica:
Vi sono quindi, diversi casi in cui il/la partner viene pescato nella quotidianità, quindi al di fuori del contesto di gioco, cioè mentre l'endemico è in modalità "persona civile pulita".
A questi non-endemici, (sia chiaro, una strana genìe esterna al microcosmo del gioco di ruolo dal vivo, che difficilmente comprende e condivide l'interesse del nostro infeltrito eroe) viene dato l'appellativo generico di "Sano".

I Sani solitamente all'inizio sono affascianti dai racconti degli endemici, qualcuno abbozza anche un certo interesse ma con riserva, paradossalmente, se l'interesse è palesato in un "quasi quasi provo anche io" il nostro endemico in caccia potrebbe perdere di interesse e ritornare sui suoi passi.
Perchè?
Perche un conto è accoppiarsi con un altro endemico, per propria scelta.
Un conto è ritrovarsi un quasi-fidanzabile che ci osserva in un contesto dove solitamente ci laviamo poco, ci sbronziamo, emettiamo flatulenze incontrollate da diversi punti d'uscita, simuliamo idiozie varie, dalla morte al ferimento, picchiandoci con spade di gomma, se sei maschio indossando talvolta collant e calzamaglia (che è un immagine che inquieta un po' tutti).
La potenziale nuova conquista NON DEVE VEDERE tutto ciò!!!
Deve solo sentirne parlare in maniera eroica come "un interesse personale"in cui l'endemico indossa sfavillante armatura e stacca teste a orribili orchi, c'è chi va a pesca, chi fa decoupage, chi colleziona rane di ceramica …. e chi gioca di ruolo dal vivo, amen.

Il sano o la sana solo con il tempo si renderanno conto che questo lato del partner NON E' sotto il loro controllo, ma l'amore coprirà ogni falla.
C'è chi sopporta stoicamente la realta dei fatti accettando che il proprio marito o la propria fidanzata indossino mantello e calzamaglia, anzi a volte saranno questi (santi) a lavare, cucire e riparare l'armamentario del nostro endemico.
Al contrario invece, vi sono altri sani che, ahimè, fanno del pressing psicologico prima e dopo i raduni, ciò è inevitabile.
Vanno capiti e compresi….specialmente quando il partner che normalmente vede l'endemico con espressione "ingrugnita" o "assente" causa vari impegni e problematiche quotidiani, scopre e vede le foto dei raduni:
l'endemico partner sfoggia allegrissime espressioni, smorfie idiote ma assolutamente paciose e divertite, addenta cosciotti di pollo dall'aria incerta (quando a casa frigna se i piselli lessati non sono color verde speranza) tutte espressioni FELICI che in casa non fa MAI e quindi, il partner giustamente si pone, e sopratutto GLI PONE la domanda orribile "ma con me quindi … non ti diverti ?".
E li è il dramma.
L'endemico tergiversa, balbetta, cambia argomento, decide all'improvviso di andare in un outlet a fare un giro, inventa qualcosa a caso, sfodera e butta sul tavolo una carta di credito alludendo ad un possibile shopping allo stato brado.
Mai, e dico mai, l'endemico deve cercare di giustificare il fatto che si, si diverte come un/una deficente.

Inutile spiegare, almeno sul momento.
Ad acque calme si, spiegare che con il/la sano ci sono divertimenti "diversi" che non prevedono espressioni idiote come quelle nelle foto dei raduni, ma ciò non toglie che vi siano.
Il sano/a che talvolta non può capire l'endemicità, può compatirla, assecondarla, conoscerla, ma se non è stato "attaccato" dal virus del gioco di ruolo dal vivo, probabilmente non capirà mai appieno cosa significa.
L'endemico arrotonderà la discussione con cose tipo "va là che stare con un eroe ha sempre il suo gran fascino ! eh ? e quando ti ricapita.."

Sarebbe auspicabile quindi che un endemico si accoppiasse con un suo simile, ma si sa, al cuore (e ai virus intestinali) non si comanda.
Bisogna parlare brevemente di un caso a parte, c'è chi, volutamente sceglie un partner non-endemico:
riconosciamo questo un sintomo di malattia, presente nell'endemia stessa, detta SINDROME DI CLARK KENT:
Per diversi motivi, molti dei quali dipendenti anche dal carattere dell'endemico, chi è soggetto a questa sindorme gode e si vanta, di avere una "doppia vita" come i supereroi, la sindrome si riassume in questa descrizione:
"3 o 4 volte l'anno indosso l'armatura e sono un impavido eroe picchiabestie con 4 o 5 mogli e una castellania, mentre nella vita di tutti giorni faccio una vita normale, con una morosa normale, un lavoro normale"..insomma  "godo della mia duplicità, ho una identità segreta !!!".
Che segreta non è perchè lo sanno tutti, ma è un dettaglio.

L'accoppiata endemica tutta via è agognata da molti ma non facile, meno scontata di quanto si pensi !
Tenete presente che gli endemici SI CONOSCONO e tendenzialmente, si conoscono da un po'…ma soprattutto, si sono già visti nelle peggiori condizioni.
Dalla sbronza perpetua, al pestarsi come fabbri, spettegolare sulle tette di una o dell'altra, con ascella muschiata, tenda croccante, stivale autogestito dal calzino ormai vivente di vita propria, ragno morto autoinserito nel collo della camicia, sproloquio vario, flatulenze ecc ecc
quindi due endemici prima di valutarsi dal punto di vista amoroso ci pensano, e bene, ma … talvolta accade, la freccia di cupido, dopo aver fatto il check armi *, scocca.

COROLLARIO:
La femmina endemica.
mentre bene o male la nostra elucubrazione scentifica si basa perlopiù su uno studio che vede come "cacciatore" il maschio, dobbiamo però considerare la femmina un caso ancora in fase di studio, ma affascinante.
Se è vero che "avere le palle" non è una questione fisica, bensì mentale, è altresì vero che la femmina endemica ne è tendenzialmente superdotata.
Per questo la distinzione specifica richiede una puntata a parte, nella prossima parleremo delle CREATURE endemiche:
l'uomo e la donna.

*check armi:
all'apertura di ogni raduno un Master addetto effetua controlli sulle armi utilizzate dai giocatori, per controllare che rispettino le norme di sicurezza richieste.


Nella prossima puntata:
Endemici in circolazione, ovvero L'Uomo e La Donna che frequentano il Reame Incantato.