2° giorno, 7° mese, 2010 Dopo la Caduta

Shamà'iel osservava la valle che si era aperta davanti a lui in quelle settimane. Era trascorso pochissimo tempo da quando il ghiaccio aveva abbandonato quei luoghi, eppure la vita era sbocciata nuovamente e repentina. Non solo la foresta dei Tuiadri si era allargata di un buon terzo dopo l'applicazione della Gemma Matrice sul Pilastro, ma era stata riscontrato un fenomeno nuovo e del tutto inaspettato. Il pilastro di Nerfin e quello dei tuiadri erano entrati in una sorta di risonanza magica potenziandosi a vicenda. La valle che Shamà'iel strava osservando era il frutto di quel nuovo legame. Si era venuto a creare un collegamento verde di vita brulicante tra i due pilastri. Una corridoio primaverile che tagliava letteralmente in due il paesaggio di desolata glaciazione. Quel nuovo corridoio di vita corrispondeva esattamente al percorso infernale fatto dalle genti qualche mese prima. Ad osservarlo adesso non appariva più così letale. Col tornare della vita aveva perso tutta la sua pericolosità e il suo aspetto così tetro. E pensare che in ogni metro di quella strada era caduto qualcuno, per non rialzarsi mai più. Sorrise tra se a questo pensiero, poi distolse lo sguardo per tornare ai suoi compiti imminenti.

Shamà'iel Ondèr in contemplazione della valle risorta.