8° giorno, 7° mese, 2010 Dopo la Caduta

Alham Cuoreserpente osservò il suo popolo dall'altura.

Si erano accampati per la notte in una nicchia riparata dal vento gelido che gli rammentava che il traguardo non era ancora giunto. Si era arrampicato, a fatica, su quella collina per osservare il cielo. Era meraviglioso, con tutte quelle stelle iridescenti a rischiarare debolmente la nera notte. Solo in seguito aveva abbassato il suo sguardo attento verso il suo villaggio nomade… e si rese conto di quanti non ci fossero più Erano partiti in oltre mille ed ora restavano in meno di seicento. Vecchi e bambini erano state le prime vittime ed ora intere generazioni erano state cancellate. Ma il popolo nomade era ancora vivo nei cuori dei sopravvissuti. Chissà cosa era accaduto agli altri villaggi? Probabilmente erano morti e sepolti sotto il ghiaccio. Manca poco alla terra promessa. Un ultimo sforzo.

Alham Cuoreserpente riflette a est della Foresta dei Tuiadri