5° giorno, 10° mese, 2011 Dopo la Caduta

 – “Hei, Pigro! C’è un orco che non sa parlare la nostra lingua appena fuori dai nostri accampamenti!”
Il ragazzino entrò di corsa nella tenda, il fiato corto per l’emozione e la corsa sostenuta. Danile stava seduto su una sedia dondolandosi, i piedi su un tavolo ed in mano una birra.
– “Ti sembro un interprete? Chiama il Crespo, lui è un uomo-qualcosa. Sicuramente saprà parlare la lingua di un altro uomo-qualcosa”
– “Ma…Pigro…quell’orco è insieme ad altri orchi ed hanno dei carri con su martelli, incudini e altri attrezzi!”
– “Uh, allora è arrivato il carico promesso! Perché non me l’hai detto subito?”
– “Ma…Pigro…”
– “Niente MA! Lo sai che al Crespo, quello che ha costruito con tanta fatica questa sedia e questo tavolo, non piacciono tutti ‘sti piagnistei! Non gli dirò nulla sulla tua mancanza di rispetto nei suoi confronti…per questa volta! Ora fai entrare gli orchi e dai loro da bere! Offro io!”
“E paga il birraio…” disse sommessamente il ragazzino, allontanandosi.