12° giorno, 7° mese, 2012 dopo la Caduta

L’inserviente porta da bere ad un vecchio orco e ad uno più giovane, in armatura, mentre stanno chiaccherando amabilmente, da padre a figlio, quando il tono del giovane repentinamente cambia, diventa più basso e titubante:
“Padre, ti devo parlare.”
“Si, dimmi Gunnar, problemi?”
“Forse, ma devo fare un giro tra le tribù per consultarmi”
“Va bene, quando partiamo?”
“Ehm… padre.. ci sarebbe un impegno che ho preso, con gli eroi, ho dato la mia parola per insegnare ad alcuni di loro le nostre conoscenze sul condurre gli uomini.”
“Se dovevi… Ma qual’è il problema, fallo quando torni”
“Non farò in tempo, padre”
“Lo farai la prossima volta”
“Ho promesso che ci sarei stato, devo mantenere l’impegno”
“E allora rimanda il tuo giro.”
“Non posso, è meglio non rischiare. Insomma, dovresti andare tu al mio posto da loro”
“COSAAAAAAAAA??!??”

Voci tratte dai pettegolezzi di un inserviente che poi è scappato di corsa