21° giorno, 9° mese, 2012 dopo la Caduta

L’alba è il momento migliore, così è sempre stato.
Con passo lento Juno si aggira nei pressi della locanda, gli occhi socchiusi a scrutare il terreno, in cerca di chissà cosa perso nei suoi pensieri. "si si…" commenta a voce alta come se parlasse con qualcuno "ne ho già trovate alcune, e devono per forza essercene altre… ne sono sicuro, era da tanto che non ne vedevo, sembra che questa terra sia proprio benedetta".
Passi lenti, quasi pesanti, mentre di colpo l’alchimista si ferma con un placido sorriso disegnato sul suo volto e si china a contemplare quello strano fiore.
"Eccoti piccolo mio, su non essere dispettoso". Le dita rovinate vanno a recidere il gambo e con estrema delicatezza ripongono l’erba nella scarsella, "oh si saranno contenti i miei ragazzi.. mmm è tempo che inizino a lavorare sul serio… vedremo se sapranno come usarla"