18° giorno, 1° mese, 2013 Dopo la Caduta

"L’elfo stava inseguendo la preda da ormai quattro ore.
Il suo era un gioco di astuzia e di appostamento, poiché quel daino era particolarmente rapido e dai movimenti imprevedibili.
Ma finalmente ormai era a tiro d’arco e la sua posizione era pressoché perfetta…un solo movimento errato, un ramo spezzato ed avrebbe perso una preziosa possibilità di uccidere quello splendido animale.
C’era quasi, la freccia era incoccata…una foglia secca sotto il suo stivale provocò un piccolo rumore!
Accadde tutto in un attimo.
Il daino sollevò la testa e scattò, l’elfo mantenne la concentrazione e scoccò la freccia che andò a colpire la zampa posteriore dell’animale…una ferita troppo superficiale per impedirgli di fuggire!
Ma qualcosa accadde…il daino si bloccò sul posto, disperato dal non riuscire a muovere le zampe, immobili come inchiodate al terreno. L’elfo osservò stupito il suo arco, un normalissimo arco di quercia."