18° giorno, 4° mese, 2013 Dopo la Caduta

“Quindi, gli Eroi hanno accettato la richiesta dei Kritek?”
“Si, Giudice Balthazar”
“Gli fa onore, lo ammetto, forse davvero ci possono insegnare qualcosa e quasi sono contento che non abbia prevalso il mio voto negativo per la creazione delle fazioni indipendenti.”
“Si Giudice, sappiamo come la pensa e devo dire che non ha tutti i torti.”
“Mmm, da quello che ho potuto capire, sono inclini alla guerra e allo scontro in un modo quasi innaturale, la mia preoccupazione è solo quella che cedano ai loro peggiori istinti, non vorrei che a lungo andare la cura fosse peggiore del male…”
“Capisco, però nessuno di noi sarebbe andato spontaneamente a fare quello che faranno loro, ci sarebbe dovuto essere una indicazione di un Giudice o dell’Ordine”.
“Vero, vero, evidentemente il fatto di essere spesso in guerra genera comunque la necessità di soccorrere chi è più debole.
“Quindi mi dite che la guerra ha i suoi lati positivi?”
“Ah ah, questa è una forzatura, però si, in effetti è così ma ricordatelo, i lati positivi non supereranno MAI i negativi, la guerra non sarà mai un bene.
Ah.. un’altra cosa, sono divisi, con idee e ideali diversi, comincia a registrare i nomi di coloro che sono più vicini al Codex o di coloro che hanno accettato di aiutare i Kritek, ci potrebbe essere utile, in futuro.”
“Lo stiamo già facendo, Giudice.”
“Bene, bene.”
Dialogo tra il Giudice Balthazar e un suo attendente.